Organizzare una visita agli scavi di Pompei

Questo post è dedicato a chi ha intenzione di organizzare una visita agli scavi di Pompei.

Comminciamo col dire che la visita agli scavi archeologici di Pompei richiede almeno una giornata. Si tratta infatti di una intera città da visitare! L’area è ampia circa 44 ettari. Bisogna quindi tener presente questo quando si pianifica la propria visita.

Altra info utile: indossare scarpe comode! Le strade da percorrere nel parco archeologico sono tante e non sempre facili da percorrere. In particolare, i basoli che lastricano le strade non sono sempre dritti e metteranno a dura prova le vostre caviglie. Ovviamente gli sforzi sono ripagati dallo spettacolo di poter ammirare un’intera città di epoca romana a grandezza naturale.

E’ disponibile un percorso di circa 3km per persone a mobilità ridotta che permette di raggiungere i luoghi principali senza particolari difficoltà.

L’area archeologica ha 3 ingressi: Piazza Anfiteatro (ingresso suggerito per le persone a mobilità ridotta), Piazza Esedra e Porta Marina.

Come raggiungere gli scavi archeologici di Pompei

L’area del parco archeologico è ben collegata ed è raggiungibile sia con il trasporto pubblico, sia con l’auto privata.

Con l’auto è necessario prendere l’autostrada A3 Napoli-Salerno e prendere l’uscita Pompei. Appena usciti dall’autostrada sono disponibili diversi parcheggi a pagamento per lasciare l’auto ed iniziare la visita.

Con i mezzi pubblici (scelta consigliata) Pompei è ottimamente collegata con Napoli e con la costiera sorrentina.

Provenendo da Napoli la scelta che mi sento di suggerire è quella di utilizzare i treni della Circumvesuviana che collegano la stazione di Napoli Centrale con Pompei in circa 40 minuti. Andando in treno si ha il vantaggio di evitare il traffico, evitare la ricerca di un parcheggio libero e le due fermate sono a pochi passi dagli ingressi agli scavi. In particolare, prendendo la linea Napoli-Sorrento via Scafati la fermata è Pompei Villa dei Misteri proprio avanti l’ingresso di Porta Marina e quello di Piazza Esedra). Utilizzando invece la linea Napoli-Poggiomarino via Pompei è possibile scendere alla fermata Pompei Santuario e raggiungere in pochi minuti l’ingresso di Piazza Anfiteatro.

Altra modalità è quella del treno delle FS che collega Napoli e Salerno con Pompei. La stazione FS di Pompei è a circa 500m dall’ingresso di Piazza Anfiteatro.

E’ possibile raggiungere Pompei anche in bus ma mi sento di suggerire di utilizzare il treno sia per il traffico, sia per la rapidità di collegamento.

Acquistare i biglietti

I biglietti per l’accesso all’area archeologica si possono acquistare sia ai varchi di accesso, sia online. Nel momento in cui sto scrivendo l’unico rivenditore autorizzato per la vendita online è Ticketone. L’acquisto online ha anche il vantaggio di permettere si saltare la fila se non si vuole ritirare il biglietto in cassa.

E’ possibile acquistare due tipologie di biglietto: ingresso singolo che vale un giorno e permette l’ingresso agli scavi di Pompei oppure biglietto valido 3 giorni e che permette di visitare anche i siti di Ercolano, Oplonti e Boscoreale. Con il biglietto è possibile ricevere anche una mappa del sito (se disponibile) ed una mini guida nella propria lingua.

Vi sono poi diverse giornate nell’anno in cui l’ingresso all’area archeologica è gratuito (ad esempio la prima domenica di ogni mese). Da tener presente che, per preservare i luoghi, la sovrintendenza ha imposto il limite massimo di presenze all’interno dell’area in 15.000 unità. Questo significa che nelle giornate in cui vi è maggiore affluenza (quelle ad ingresso gratuito) si rischia di dover attendere parecchio prima di poter entrare.

Mangiare

All’interno del parco archeologico è presente un’area pic-nic nei pressi dell’Anfiteatro. E’ inoltre disponibile un punto ristoro nella zona del Foro.

Da sapere

Nell’area del parco archeologico sono presenti dei servizi igienici solo nei pressi dell’area ristoro o agli ingressi. Questo è un aspetto che per il momento la sovrintendenza dovrebbe migliorare.

Non è possibile introdurre animali di grossa taglia ed i cani di piccola taglia vanno tenuti al guinzaglio ed in braccio durante la visita alle diverse domus. Il mio suggerimento è, se possibile, di non portarsi dietro animali altrimenti la visita diventerebbe ancora più faticosa.

Nell’area degli scavi archeologici sono presenti alcune fontanelle pubbliche.

Visite guidate

Presso l’ingresso di Porta Marina sono disponibili delle audioguide per chi voglia una guida “autogestita”. Sono invece presenti agli ingressi delle guide autorizzate (riconoscibili dal tesserino esposto) con le quali poter organizzare una visita guidata del sito.

Siti utili

I siti da consultare per recuperare info aggiornate ed ufficiali sono riportati di seguito.

Sito del MiBACT raggiungibile al seguente link.

Il sito ufficiale del Parco Archeologico di Pompei raggiungibile al seguente link.

Sito dell’EAV per recuperare info sugli orari della Circumvesuviana al seguente link.

Conclusioni

Cos’altro aggiungere… il sito è stupendo e unico nel suo genere. La visita, dopo una buona pianificazione, merita sicuramente. Se si ha un buon allenamento si può ipotizzare di acquistare il biglietto valido 3 giorni e provare a visitare anche gli Scavi di Ercolano (più piccoli ma secondo me più belli per lo stato degli edifici) e quelli di Oplonti con la spettacolare villa di Poppea.

Buon viaggio

Anto 🙂

 

Potrebbero interessarti anche…

Organizzare una visita a Napoli link

In visita al teatro San Carlo di Napoli con la famiglia link

Viaggiare ad alta velocità: Italo vs Trenitalia link

Condividi la pagina
  • 13
    Shares

2 Risposte a “Organizzare una visita agli scavi di Pompei”

  1. […] visita a Napoli. Dopo il post dedicato all’organizzazione di una visita agli scavi di Pompei (link), ho quindi scritto questo nuovo articolo dedicato al capoluogo […]

  2. […] Organizzare una visita agli scavi di Pompei link […]

Lascia un commento