4 giorni a San Francisco, il mio viaggio in California

San Francisco è stata una delle città che ho visitato che mi sono piaciute di più! Anzi, forse è la città in assoluto che mi è più piaciuta.

Questo è un viaggio che ho fatto da solo, quindi le indicazioni che riporto in questo post non sono, come al solito, per viaggi in famiglia. C’è comunque da dire che San Francisco è una città adatta soprattutto alle famiglie ed è a misura d’uomo.

In città ci si sposta facilmente con i mezzi pubblici che, tra l’altro, sono una della attrazioni di San Francisco.

Ma andiamo con ordine. Era inizio novembre, ero un po’ giu e cercavo un viaggio nella rete. Sfogliando tra i siti delle compagnie aeree trovai un interessante volo per San Francisco e così, dopo aver verificato che potevo prendere un po’ di ferie, ho acquistato. A questo punto ho iniziato la pianificazione delle tappe e la logistica del viaggio. In tutto ho trascorso 12 giorni in California tra San Francisco e Los Angeles e dintorni. Ma focalizziamoci su San Francisco.

Era fine novembre. Arrivo all’aeroporto in serata intorno alle 20. Avevo prenotato prima di partire un bus condiviso che mi ha portato fino all’ingresso dell’hotel. Io ho scelto di soggiornare nei pressi di Union Square che è una delle piazze principali. L’albergo che ho scelto per il rapporto qualità/prezzo è stato il Metropolis all’angolo tra la Turk e la Mason. La zona è logisticamente la migliore anche se, col senno di poi, forse sarebbe stato meglio trovare alloggio al Fisherman’s Warf, una zona con maggior “vita”. Una volta in albergo, comunque, il tempo di una doccia e crollo sul letto.

Primo giorno

Dopo una nottata in cui ho fatto fatica a dormire (9 ore di fuso non sono uno scherzo!), la mattina del primo giorno decido di uscire presto per fare colazione. Dopo un muffin ed un cappuccino da Starbucks nei pressi dell’albergo parto in esplorazione. Prima tappa Union Square.

Vedo sfrecciare i primi cable car, i tipici tram di San Francisco il cui movimento è supportato da cavi che li aiutano a superare le enormi pendenze presenti in città.

 

Condividi la pagina
  • 1
    Share

Lascia un commento